Spanda: PASTA E PATATE DI NONNA

Questa settimana abbiamo parlato della vibrazione originaria che ha dato origine a questa danza dinamica di espansione e contrazione, spanda, ovvero uno degli attributi del divino. Ora vi chiederete... e che c'entra la pasta e patate?

Bene... la pasta e patate mi riporta all'inizio di tutto, al principio della mia passione per la cucina, a quella vibrazione di amore che provavo nel vedere mia nonna cucinare.

Con questa ricetta vi invito quindi a trovare quella scintilla, quella vibrazione originaria che vi ha fatto esplodere una passione, un amore o semplicemente vi riporta a un momento di gioia. La nostra vita è davvero un continuum di alti e bassi, espansione e contrazione. Riportare la consapevolezza al principio, all'inizio di questa danza ci permette di osservare con occhiali diversi questo moto, senza giudizio, restando in quella vibrazione di amore e compassione.


L'altra ricetta in gara era la pizza di nonna, ma come potrete ben immaginare, la faceva "a occhio" per cui è impossibile replicarla... ma non demordo e chissà che prima o poi comparirà su questi schermi. Per ora però...

ai fornelli!

Ingredienti (per 2 persone)


140 gr di pasta mista (per me d'obbligo ditalini rigati, spaghetti spezzati e tripolini/farfalline)

3 patate medie

1/2 carota

1 gambo di sedano

1/2 cipolla

3/4 pomodorini

2 pezzi di crosta di parmigiano reggiano

20gr di parmigiano grattugiato

olio extra vergine di oliva

sale e pepe q.b.


Procedimento


Mondare e tagliare le patate a cubetti piccolini, lasciarle in acqua fredda.

Fare un soffrittino con la carota e sedano interi, cipolla tagliata fine e i pomodorini a pezzetti. Aggiungere le patate, far insaporire e coprire con acqua fino a due dita sopra le patate. A bollore, abbassare la fiamma e aggiungere le scorze del parmigiano. Lasciar cucinare per almeno 20 minuti, ma dipende dalla grandezza e tipologia delle patate.

Quando le patate risulteranno belle morbide, unire la pasta e portare a cottura, aggiungendo dell'acqua se necessario, stile risotto.

Attenzione ai tempi di cottura della pasta se usate diversi formati.

A cottura ultimata, togliere dal fuoco, aggiungere il parmigiano grattugiato e un filo di olio e mantecare bene. Lasciare riposare qualche minuto prima di servire con una grattugiata di pepe a piacere.


Buona esperienza culinaria.

Con amore,

Laura