L'olio essenziale di Lavanda Angustifolia



Dal profumo floreale e arioso, l'olio essenziale di lavanda è uno dei più conosciuti e utilizzati, grazie alle sue rinomate proprietà calmanti e rilassanti che vanno ad abbassare l'attività celebrale e del midollo spinale, e allo stesso tempo regalano un effetto tonificante sul sistema nervoso. La varietà angustifolia, in particolare, viene usata per alleviare situazioni di tensione, fisico o mentale, e ritrovare la concentrazione.

Quest'olio sembra rinforzare il sistema immunitario e cardiovascolare. Viene difatti usato in caso di pressione alta e palpitazioni.

Adatto anche alle pelli sensibili, l'olio essenziale di lavanda è un ottimo antisettico e cicatrizzante, per questo è sempre utile averlo con sé come primo soccorso, in quanto può essere usato anche puro, senza diluizione.


Vediamo nel dettaglio i vari usi:


- Aromaterapia: indicato prima di addormentarsi per rilassare la mente e il corpo e creare un ambiente confortevole. Qualche goccia sotto ai piedi favorisce un sonno profondo e ristoratore.

La lavanda è definita l'olio della comunicazione in quanto aiuta l'espressione verbale, andando a calmare le insicurezze e aiutando a superare la tensione e la costrizione che derivano dalla paura di esprimere sentimenti e pensieri. La lavanda incoraggia l'onesta emotiva attraverso una comunicazione aperta e sincera.

- Uso topico: effetto lenitivo sulla pelle dopo un'esposizione solare o in caso di irritazioni o morsi di insetto, e cicatrizzante in caso di ferita. Quest'olio può essere aggiunto allo shampoo per capelli forti e sani. Inoltre, aiuta contro l'acne, psoriasi e dermatiti. A fine giornata, in un bel bagno caldo, o sul piatto della doccia, aiuta a eliminare la fatica e lo stress.

- Uso interno*: allevia le tensioni. In cucina è un ottimo insaporitore per marinature e dolci, o per contrastare l'acidità del limone.

- Pulizia: rinfresca e profuma il bucato e le lenzuola. Due gocce nel carico della lavatrice ti trasportano direttamente in Provenza.


Prova ad associale l'olio alla pietra preziosa di giada lavanda, la pietra per eccellenza della compassione e della benevolenza, per intensificare le proprietà calmanti, rasserenanti e lenitive degli stati d'animo turbati e affievolisce la paura e consolare l'animo.

Inoltre, questa pietra aiuta il cuore a trovare la compassione per prendere le giuste decisioni. Riequilibra le emozioni e dona modestia e chiarezza d'idee.



*affidarsi a un professionista prima di ingerire l'olio essenziale. Valutare soprattutto la proveniente e la qualità dell'olio prima di usarlo internamente.


Behind the bottle

Nel mio immaginario, lavanda=provenza. Eppure, uno dei maggiori coltivatori di lavanda è la Bulgaria. Soprattutto la zona climatica del Mar Nero della Bulgaria, risulta essere un vero paradiso agricolo per la coltivazione di piante aromatiche. Qui vengono infatti coltivate alcune delle migliori lavanda e melissa del mondo, grazie al clima soleggiato e asciutto e un terreno ben drenato e sabbioso.

Dietro a un olio essenziale c'è davvero una lavorazione immensa che non sempre viene riconosciuta. Questa è la mission di Esseterre, un'azienda agricola e di distillazione che tiene a cuore il co-impact per facilitare lo sviluppo sostenibile e diversificato in Bulgaria.

Quando vengo a conoscenza di queste realtà, non posso non condividere con gioia ciò che scopro! Dal 2015 Esseterra si pone l'obiettivo di migliorare il tenore di vita della comunità agricola locale, offrendo posti di lavoro con contratti in regola. Nel 2019, infatti, sono state costruite ben 12 distillerie per far fronte alla crescente domanda del settore. La forza lavoro si è arricchita così di più di 100 dipendenti full-time e oltre 100 collaborazioni con piccoli coltivatori locali.


Insomma, non tutti gli oli sono uguali, e a volte possiamo aiutare a fare la differenza.

E se non possiamo viaggiare fisicamente per inebriarci del profumo di questa pianta, qualche goccia e un po' di fantasia possono funzionare!


Buon viaggio.

Con amore,

Laura