Luna nuova in ariete - coraggio: CROSTATA DI FAGIOLI AZUKI

Questa settimana abbiamo esplorato il tema del coraggio, sotto l'influenza del fuoco del segno dell'Ariete. Quello che ho pensato di proporvi è un abbinamento che risulta essere moooolto lontano dalla nostra tradizione culinaria: legumi in un dolce! Provate a dire che non ci vuole coraggio per farlo...

Premetto che la ricetta che riporterò non è farina del mio sacco, anche se leggermente modificata a mio gusto. Si tratta di una ricetta del dott. Franco Berrino e il suo team de "La Grande Via", una crostata di fagioli azuki che ho avuto il piacere di provare durante il percorso "21 giorni per rinascere" tratto dall'omonimo libro.


Io me ne sono innamorata, è molto equilibrata ha un sapore delicatissimo... cosa che non si direbbe di primo acchito.

Attenzione: la preparazione inizia il giorno prima!


Provate a fare quel piccolo cambiamento... a tavola e andate


ai fornelli!

Ingredienti (per una teglia di 24cm)


Per la base

260gr di farina semintegrale di grani antichi

80gr di miele

55gr di olio di semi di girasole

1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

1/2 limone spremuto

zeste di limone

cannella e vaniglia a piacere


Per la farcitura

300gr di fagioli azuki

3cm di alga kombu

9 datteri

2 cucchiai di crema di nocciole

1 cucchiaio di farina di polvere di carrube

2 cucchiai di cacao amaro

vaniglia

un pizzico di sale


Procedimento


Il giorno prima preparare la crema di nocciole, tostando le nocciole in forno a 160° fino a leggera doratura. Lasciare raffreddare e tritare fino ad ottenere una crema.

La sera mettere in ammollo i fagioli azuki con l'alga kombu.

La mattina dopo, sciacquare e cuocere i fagioli in abbondante acqua.


Accendere il forno a 180°C statico


Preparare la base: unire la farina con il sale, la cannella e la vaniglia. A parte, in un bicchiere, mescolare il bicarbonato con il succo di limone. Aggiungere l'olio, la buccia del limone, il malto e mescolare. Unire i due composti e amalgamare fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Lasciar riposare in frigo per almeno 30 minuti.


Passare intanto alla farcia. Frullare i fagioli con i datteri e il resto degli ingredienti fino ad ottenere una crema morbida. Nel caso in cui risultasse troppo denso, ammorbidire con un goccio di latte scaldare 5-10 minuti.


Stendere la base con un mattarello e foderare la teglia, lasciando parte del composto per le strisce decorative.

Bucherellare la base con una forchetta e versare la farcitura. Decorare con le striscioline di pasta.


Infornare a 180° per 30 minuti o fino a quando la crostata risulterà dorata.

Lasciarla raffreddare prima di servire.


Buona esperienza culinaria! Con amore,

Laura