Abbondanza: Buddha bowl autunnale

Aggiornamento: gen 2

Se penso ad abbondanza, mi vengono immediatamente in mente questi piatti colorati e bilanciati, ricchi di nutrienti benefici per il nostro organismo. Non c'è modo migliore per celebrare l'abbondanza se non con prodotti di stagione. A ogni stagione madre terra ci regala meravigliosi doni, di cui, guarda caso, abbiamo proprio bisogno nel corsi di quei mesi.

Diversi studi sottolineano come prodotti consumati nel corso della loro naturale stagione di maturazione abbiano proprietà nutritive superiori a prodotti conservati artificialmente. Ad esempio, il contenuto di vitamina C si riduce mediamente del 50% durante la conservazione.

Mangiare di stagione fa anche bene al portafoglio e all'ambiente, in quanto non si ha bisogno di serre e si cansuma meno energia per la produzione, win-win!



Da qualche giorno siamo entrati in autunno, tempo di zucche, funghi, verdure a foglia verde scuro. e melograna.

Questa stagione richiama alla depurazione, al raccoglimento. E' il periodo perfetto per pratiche di purificazione, per lasciare andare ciò che non ci serve più, proprio come gli alberi perdono le loro foglie, per fare spazio a ciò di cui necessitiamo che richiede cura nella stagione invernale.

Non a caso, la maggior parte dei frutti e ortaggi autunnali hanno elevato potere antiossidante e depurativo. Alla zucca vengono riconosciute proprietà diuretiche e calmanti, oltre a quelle antiossidante e antinfiammatorie, grazie alla presenza dei caroteinoidi, precursori della vitamina A. Il cavolo nero, anch'esso ricco di vitamina A, è un'ottima fonte di vitamina C, vitamina B e acido folico, indispensabili soprattutto durante la gravidanza. Da menzionare anche la presenza di flavonoidi, potenti antiossidante e anti-tumorali. Anche La melograna vanta un'elevata quantità di antiossidanti, che la rendo una vera alleata anti-age. E' un frutto multivitaminico benefico per il nostro sistema immunitario, grazie al suo contenuto di vitamine, soprattutto la vitamina C, che ci aiuta a prevenire i malanni di stagione. Molti altri sarebbero i benefici da elencare, ma preferisco passare...


ai fornelli!


Ingredienti (per una persona)


50gr grano saraceno

1/2 mazzo di cavolo nero

1/4 zucca delica

1 porro

1 rametto di rosmarino

3 cucchiai di ceci lessati

1 fungo portobello

1 cucchiaio di salsa tamari

4/5 fettine di avocado

1/4 melagrana

1/2 noci

curcuma e pepe

olio, aglio, sale

peperoncino a piacere


Dressing

2 cucchiai di olio

3 cucchiaini di salsa tahina

1/2 limone

sale


Accendere il forno a 200° ventilato. Intanto lavare e tagliare la zucca a cubetti, lasciando la buccia (è ricca di fibre, super alleata dell'intestino). Rivestire una teglia con carta da forno e unire la zucca, il porro a listarelle e il rosmarino. Condire con olio e sale e infornare per circa 10 minuti.


Sciacquare il grano saraceno e cuocerlo con 4 parti di acqua, fino a completo assorbimento di quest'ultima. Controlla sempre se necessita di altra acqua, dipende molto dal fornello. Servono circa 20 minuti.


Pulire il cavolo nero eliminando la costa centrale, lavarlo bene e saltarlo in padella con olio, un goccio di acqua, aglio e peperoncino a piacere.


Pulire il fungo portobello e tagliarlo a fettine. In una padella unire un filo di olio e la salsa tamari. Adagiare delicatamente le fettine di fungo e lasciar dorare per 2/3 minuti per lato.


Cotto il cavolo nero, metterlo da parte e nella stessa padella far saltare i ceci con un pizzico di curcuma e pepe.


Nel frattempo preparare il dressing mescolando tutti gli ingredienti. Unire un goccio di acqua e continuare a mescolare fino a quando non si ottiene una crema liscia e omogenea.


A questo punto sgranare la melagrana, tritare le noci e tagliare le fettine di avocado.


La parte più bella... assemblare il piatto e decorare a piacere! Pensate all'abbondanza di madre terra, ai meravigliosi doni che avete tra le mani e lasciate esprimere la vostra creatività!


Buona esperienza culinaria!


Con amore,

Laura